Home Italy World Travel Nature Interview Culture Events Contact Admin
HOME
News
Tutto il fascino di L. A.
Los Angeles, USA
Los Angeles è l’ennesima potenza del cosmopolitismo, qui c’è gente che si è trasferita letteralmente da tutto il mondo, e di conseguenza ci sono tante culture integrate e cibo che rappresenta tutti i continenti.

É una città che delude la maggior parte di turisti Italiani, perché si aspettano cose specifiche e maestose da vedere e da visitare. Ma in realtà la bellezza di Los Angeles sta nel viverla giorno per giorno più come uno stile di vita, che come la classica vacanza con l’itinerario di visita a monumenti e piazze. É una città particolare, un’ immensa metropoli che ti offre tutto, dal divertimento, allo shopping, alla cultura in varie declinazione, a musei incredibili, e a tutto ciò che fa parte dell’universo cinema. E’ una città pervasa di senso logico: un reticolo di strade che si intrecciano perfettamente perpendicolari e numerate in ordine, ma che ti offre anche emozioni forti, grazie alla bellezza della natura: dall’oceano, alle cime innevate, dai tramonti mozzafiato a canyon, deserto e a scorci incredibili”. Chi parla con tanto entusiasmo di Los Angeles è l’attrice bolognese Paola Piccioli, che si è trasferita nella città californiana temporaneamente per lavoro. Non è la sua prima volta a L.A. dove è già stata più volte, e nella quale le piace assaggiare cibi particolari, fare hiking sulle montagne sopra la città, frequentatissime da tutti, correre sulla spiaggia dove è normale fare attività fisica, frequentare cinema e teatri dalle molteplici e raffinate proposte. E dove ha amici italiani, europei e americani che lavorano nel mondo del cinema.
“Qui, in ogni aspetto e ruolo cinematografico, che sia tecnico, attoriale, o creativo, dal più semplice al più importante, c’è molto rigore, grande senso dell’organizzazione e della disciplina. Il talento è ovviamente importante, ma l’impegno continuo e costante è imprescindibile” racconta ancora Paola. “Tutto quello che vivo e percepisco, affina e migliora il mio modo di recitare ed essere una creativa nel mondo del cinema, e ovviamente questo si ripercuote positivamente anche nel lavoro della casa di produzione, la First Child, che ho aperto un anno fa con il regista Salvatore Sclafani.
Quali sono i lavori in corso della casa di produzione bolognese?
“Attualmente abbiamo un cortometraggio sperimentale in distribuzione, che sta anche partecipando a parecchi festival internazionali. Si chiama ’Due giorni’ e sono una delle protagoniste” Si tratta di un progetto nato dalla collaborazione di più persone, continua Paola, che fa sperimentazione con lo storytelling e fotografa poche ore della vita di una coppia, cogliendone le problematiche e le sfide. In autunno First Child inizierà la lavorazione di un corto dal titolo “Idda“ che affronta il tema della scelta nella vita di coppia e dell’interrogazione sull’orientamento sessuale. La sceneggiatura a quattro mani , ancora in revisione, è di Piccioli e Sclafani, la fotografia sarà del pluripremiato Daniele Ciprì.
“Io e Giuseppiina Maiomone ne saremo le protagoniste principali, e verrà girato nel sud Italia. Ma il nostro progetto più corposo, è un documentario che si intitola “Before act” che affronta la prevenzione all’abuso sessuale di minori, da un punto di vista innovativo. Sarà girato fra l’Europa e il Nord America, una parte è già stata realizzata, ma c’è ancora molta ricerca da fare, mentre continuiamo a mettere in discussione la chiave di lettura che inizialmente avevamo individuato, perché vogliamo che il documentario sia estremamente efficace”. A supporto dell’importanza di questo complesso lavoro, alcuni fra i maggiori esperti mondiali sul tema, hanno accettato di parlare con Piccioli e Sclafani ed hanno molto apprezzato ed appoggiato il progetto. Sono personaggi come Elizabeth Latourneau del Moor Center for the Prevention of Child sexual Abuse o il Dottor Seto direttore della Forensic Rehabilitation Research at the Royal Ottawa Health Care Group ”.